La Porta Santa

LA PORTA SANTA: UN VARCO TRA IL MONDO FISICO E IL MISTERO DIVINO

Significato della Porta Santa

È la porta di una basilica che viene aperta durante l'Anno Santo. Simboleggia il cammino verso la conversione e rende concreta la mediazione della Chiesa nella salvezza dei fedeli. Si fonda sulle parole di Gesù, che disse di sé: “Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato” (Vangelo di Giovanni).

Da quanto tempo esiste la Porta Santa?

La porta santa si collega al Giubileo: un evento importante nella tradizione cattolica, introdotto nel 1300 come un anno di tempo in cui effettuare un pellegrinaggio a Roma e compiere opere di carità. Ma nessuna porta santa venne varcata in quell'occasione: la prima documentata risale al Giubileo del 1423 e venne aperta a San Giovanni in Laterano. Solo dal 1500 le basiliche romane di San Pietro, San Paolo fuori le Mura e Santa Maria Maggiore ne ebbero una, concessa anche a Santa Maria di Collemaggio e Santa Maria Assunta di Atri in Italia, Santiago de Compostela in Spagna e Notre-Dame de Québec in Canada.

La Porta Santa per eccellenza è quella della Basilica di San Pietro

La Porta Santa si trova nell'atrio, l'ultima a destra delle cinque porte d'accesso.

Realizzata in bronzo da Vico Consorti per il Giubileo del 1950, ha uno stile di ascendenza quattrocentesca. Presenta 16 riquadri con storie sacre e 36 placchette con stemmi pontifici. 29 recano gli stemmi dei papi che hanno celebrato i 26 giubilei ordinari dal 1300 ad oggi, 3 ricordano i giubilei straordinari post 1900 e 7 sono vuote per il futuro.

Sopra la porta due epigrafi sono coronate dalla conchiglia - simbolo del pellegrino - e dallo stemma papale con le chiavi: il primo Giubileo fu proclamato il 22 febbraio, festa della Cattedra di San Pietro, custode delle chiavi del Regno dei Cieli.

Un rito solenne: apertura e chiusura della Porta Santa

Il rito di apertura venne istituito da papa Alessandro VI Borgia nel Giubileo del 1500 (per cui venne realizzata la Pietà). Il Pontefice con un martello di metallo prezioso batteva tre volte il muro di protezione antistante e varcava la soglia.

Alla fine del Giubileo la porta veniva sigillata e così fu fino al 1975, quando papa Paolo VI decise di lasciarla a vista.

San Giovanni Paolo II e il nuovo millennio

Per il Giubileo del 2000 un numero mai visto prima di pellegrini attraversò la Porta Santa: 25 milioni (erano stati 10 nel 1983). Una curiosità: ci si lasciò tangibilmente il XX secolo alle spalle quando apparve in Piazza San Pietro durante un evento giubilare l'ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov.

Papa Francesco e la Porta Santa “globale”

Nel Giubileo di papa Francesco cattedrali e santuari in tutto il mondo hanno avuto porte sante, permettendo a 900 milioni di fedeli di ottenere l'indulgenza senza venire a Roma, dove sono comunque affluiti 20 milioni, tra cui anche turisti, entusiasti di far parte di questo evento spirituale collettivo.